ELAISIAN - La startup che protegge gli uliveti


Prima amici e poi colleghi, mossi entrambi dalla stessa grande passione: quella per l'agricoltura. Un'inclinazione non comune ai giovani di oggi ma che invece ha rappresentato per Giovanni Di Mambro e Damiano Angelici l'occasione giusta per farsi spazio nel mondo delle startup. I due giovanissimi imprenditori, nel novembre 2016, hanno infatti fondato Elaisian, un dispositivo che grazie all'intelligenza artificiale è in grado di prevenire le malattie delle piante e di conseguenza ottimizzare i processi di coltivazione degli alberi d'ulivo.


Agricoltura di precisione e collegamenti wi-fi per salvare gli ulivi: è questa la formula adottata da Giovanni Di Mambro (CMO) e Damiano Angelici (CEO) che, grazie ad un algoritmo, riescono a consigliare al meglio i produttori di olio d'oliva. I vantaggi sono notevoli: si va dalla riduzione dei costi all' incremento significativo della produzione, due aspetti di fondamentale importanza per un paese come l'Italia dove proprio l'agricoltura ha un ruolo da protagonista. Una risorsa preziosa, dunque, soprattutto se si considera che ogni anno si perde mediamente il 40% circa della produzione di olio d' oliva poiché i produttori, da soli, non riescono a contrastare le patologie tipiche di queste piante. Ad oggi Elaisian è presente in modo massiccio sul territorio nazionale: ben 16 regioni italiane utilizzano il dispositivo, che viene installato direttamente sulle piante: in media si può considerare che ogni singolo dispositivo copre circa 15-20 ettari di terreno, raccogliendo dati sugli aspetti climatici, stress della pianta, carenze ed eventuali agenti patogeni. I dati successivamente sono trasmessi tramite wifi al web e inizia poi la fase di studio ed elaborazione. Ogni produttore, quindi, collegandosi alla piattaforma Elaisian è in grado di ricevere, tramite notifiche o sms in tempo reale, consigli su quando, come e dove intervenire. Per il 2019 Giovanni e Damiano contano di espandersi e consolidarsi anche all'estero: nei prossimi mesi è prevista l'apertura di una nuova sede a Cordoba, in Spagna.

22 visualizzazioni0 commenti